News

angle-left Caro energia: le soluzioni per le imprese per correre ai ripari
Caro energia: le soluzioni per le imprese per correre ai ripari
contenuto sponsorizzato
2/12/2021

Come far fronte ai rincari, se l'energia è indispensabile per i processi produttivi?

Si sa, l’energia davvero risparmiata è quella che non si consuma, ma come poter far fronte ai rincari, specie se l’energia è indispensabile per i processi produttivi?

Se in ambito domestico gli incentivi sono rappresentati dall’ecobonus, con detrazioni del 110% su interventi di efficienza energetica, la soluzione per l’industria è spesso la ricerca di flessibilità negli interventi mirati al risparmio energetico e nell’utilizzo più consapevole delle risorse a disposizione.

L’autoproduzione è sicuramente una delle soluzioni più immediate: l’introduzione di impianti di cogenerazione o produzione da fotovoltaico può contribuire a rendere l’azienda indipendente dalla rete e dalle fluttuazioni di prezzo, favorendo la partecipazione delle aziende a progetti di flessibilità energetica
promossi da Terna, gestore della rete elettrica nazionale. Uno di questi progetti è quello delle UVAM -Unità Virtuali Abilitate Miste - un insieme di unità di produzione (programmabili o non programmabili) e di consumo di energia elettrica che, attraverso un aggregatore (BSP – Balance Service Provider), rappresentano un impianto di generazione/consumo virtuale, in grado di partecipare anche al mercato dei servizi di dispacciamento (MSD).

Per le aziende con forti consumi di energia elettrica, una fonte di guadagno può presentarsi grazie al servizio di interrompibilità elettrica, uno dei Sistemi di difesa del servizio elettrico nazionale di Terna, che punta al coinvolgimento delle unità di consumo connesse in media e alta tensione, per il corretto bilanciamento della rete elettrica nazionale. La disponibilità delle aziende a diminuire il proprio prelievo in 200 ms, gli assicura un guadagno portato da un corrispettivo fisso annuale e una quota variabile per ciascuna chiamata pari a 3.000 €/MW.

Analogo al servizio per l’energia elettrica, l’interrompibilità gas presenta le medesime caratteristiche e vantaggi per aziende con forte consumo di gas naturale. In questo caso è Snam che, nei mesi invernali, gestisce le chiamate e il coinvolgimento delle unità di consumo per il corretto bilanciamento della rete gas nazionale. La remunerazione per le aziende che aderiscono a questo meccanismo può raggiungere €144.000 (con consumo di 24.000 smc/giorno).

Per ottenere questi e altri vantaggi legati a un uso razionale dell’energia, è fondamentale rivolgersi a operatori esperti. Energy Team opera nel settore energia da 25 anni e mette a disposizione dei propri clienti un team di specialisti per una gestione ottimale dei dati energetici, soluzioni per la flessibilità e il Demand Response. Energy Team aiuta le aziende a intraprendere un ruolo attivo nel processo di transizione energetica per un sistema sempre più sostenibile e “green” ed è in grado di proporre una serie di servizi di consulenza e supporto alle aziende che vogliono trovare soluzioni concrete contro il caro energia.

Per saperne di più visita il sito web raggiungibile al seguente link.