News

angle-left Confindustria: Pil al 6,3-6,4%. Ma sulla fine del 2021 peseranno contagi e crisi dei materiali
Confindustria: Pil al 6,3-6,4%. Ma sulla fine del 2021 peseranno contagi e crisi dei materiali
29/11/2021

La nuova previsione del Centro Studi di Viale dell'Astronomia

 

La nuova Congiuntura flash del Centro Studi di Continfustria prevede un forte rimbalzo del Pil italiano, nonostante la frenata a fine anno causata da scarsità di materiali e nuovi contagi. Il 2021 infatti potrebbe chiudersi con una crescita del 6,3/6,4%, con l’industria che rallenta la sua corsa, nonostante resti positivo il trend. I servizi, a loro volta, confermano la fase di recupero. Positiva anche la previsioni per il mercato del lavoro, i consumi privati  e gli investimenti. Mentre frena l’export italiano di beni. Il caro-energia è invece ciò che penalizza imprese e famiglie italiane. Una fonte di crisi che si va a sommare con quella della penuria delle materie prime. Altrettanto preoccupanti sono le incognite relative all'andamento della pandemia. L’Eurozona, in generale, mostra qualche difficoltà, mentre gli USA accelerano a fine anno.

 

Consulta qui la versione integrale della congiunturale.