News

angle-left Fonderie, le ultime notizie sul settore dall'estero
Fonderie, le ultime notizie sul settore dall'estero
fonderie
11/01/2023

Aggiornamenti dal mondo, IV trimestre 2022 (in collaborazione con Amafond)


MESSICO: CUMMINS ACQUISISCE TEKSID MÉXICO
Il colosso americano dei motori diesel Cummins Inc ha acquistato lo stabilimento Teksid Hierro de México dal gruppo automobilistico Stellantis.
I nuovi proprietari hanno già presentato il Business Plan 2023. Lo stabilimento di Teksid ha una capacità di produrre 120.000 tonnellate all’anno di monoblocchi. Cummins attualmente ha 36 stabilimenti in tutto il mondo e produce 1,3 milioni di motori all’anno.

FRANCIA: IL FONDO CALLISTA ACQUISISCE LA FONDERIE DE BRETAGNE
Il fondo di investimento tedesco Callista si è stabilito presso le Fonderie de Bretagne. L'acquirente crede nella fabbrica caudanese e nel suo know-how.
Callista “prevede di ripristinare la competitività dell'azienda grazie a importanti investimenti e una diversificazione della sua produzione per trovare nuovi clienti e sbocchi”. Il gruppo tedesco si è impegnato a non fare licenziamenti per 36 mesi ma dovrà anzi assumere perché, secondo i sindacati, a Caudan mancano molte competenze dopo l'uscita di decine di dipendenti.

STATI UNITI: GM INVESTE 45 MILIONI DI DOLLARI
General Motors ha annunciato un ulteriore investimento di 45 milioni di dollari presso la sua fonderia di pressofusione di alluminio a Bedford, nell'Indiana, per espandere la capacità produttiva dello stabilimento. Questo si aggiunge al precedente investimento di 51 milioni di dollari, annunciato nel dicembre 2021. Phil Kienle, vicepresidente di GM per la produzione e le relazioni sindacali del Nord America, ha dichiarato: “Questo investimento aiuta a garantire la sicurezza del lavoro per il nostro team di Bedford per gli anni a venire mentre continuiamo a preparare la nostra intera impronta di produzione per un futuro completamente elettrico". General Motors dal 2011 ha fatto investimenti pari a 456 milioni di dollari in Bedford Casting Operations.

BRASILE: CASTERTECH ANNUNCIA L'ACQUISTO DI FUNDIÇÃO BALANCINS
Castertech Fundição e Tecnologia, una delle aziende del Gruppo Randon, ha annunciato l'acquisizione di Fundição Balancins, con sede a Mogi Guaçu (SP).
L'investimento ammonta a R$ 40 milioni. Inizialmente, alla sua capacità saranno aggiunte oltre 23mila tonnellate di getti. Attualmente l'azienda è in grado di produrre 80 mila tonnellate all'anno, considerando le unità in esercizio nelle città di Caxias do Sul (RS), Schroeder (SC) e Indaiatuba (SP). La nuova unità all'interno di San Paolo dovrebbe entrare in funzione nella seconda metà del 2023. Oltre a consentire l'incremento della capacità produttiva, il nuovo parco industriale sarà dedicato allo sviluppo di nuove tecnologie per le leghe fuse con nanoparticelle.

FRANCIA: RIPRESA DELL'ATTIVITÀ DI MAFE INDUSTRIE
L'attività di produzione di anime e macchine per fonderia di Mafe Industrie a Cessieu è stata ceduta dal 1 novembre al gruppo Sokart già proprietario di Fonderie Vincent. Questa mossa strategica rafforza le sinergie tra la nostra attività di fonderia e la produzione di anime per servire meglio i clienti.

STATI UNITI: CHIUDE L'IMPIANTO DI PACE INDUSTRIES A MUSKEGON
Pace Industries Inc. chiuderà l’impianto di Muskegon entro la fine di quest'anno, con la conseguente perdita di 244 posti di lavoro, ha affermato la società in una notifica di adeguamento e riqualificazione dei lavoratori depositata presso lo stato. Pace, una società di pressofusione con 18 stabilimenti di produzione e oltre 4.000 dipendenti negli Stati Uniti e in Messico, sta chiudendo lo stabilimento in questione a causa di "problemi finanziari’’. La struttura chiuderà definitivamente il 31 dicembre. Pace è un produttore di pressofusione di alluminio, pressofusione di zinco e pressofusione di magnesio.

EUROPA: IL SENTIMENT DELL'INDUSTRIA FUSORIA A OTTOBRE
Ancora una volta calano le aspettative complessive per il prossimo semestre e le valutazioni sull'attuale situazione aziendale. Uno sguardo più attento rivela che le fonderie di ghisa registrano per la seconda volta consecutiva una significativa diminuzione dell'attuale situazione aziendale, mentre le aspettative per i prossimi sei mesi non mostrano variazioni rispetto al mese precedente. La situazione è diversa per le fonderie di non ferrose. Qui la valutazione della situazione rimane al livello debole del mese precedente, mentre le aspettative continuano a calare. Guardando avanti all'anno 2023, ci sono segnali più forti di una recessione in diverse economie europee. Nonostante siano state riviste al ribasso anche le previsioni per il Nord America e l'Asia, né i tassi di crescita attesi del PIL, né le revisioni previsionali rispetto all'ultima previsione raggiungono il livello europeo. Non è chiaro quanto fortemente diminuirà la domanda di componenti fusi. Mentre il portafoglio ordini è ancora a un buon livello in molti mercati, gli ordini in entrata stanno già diminuendo notevolmente.

MESSICO: NUOVO CEO PER GRUPO INDUSTRIALE SALTILLO
Grupo Industrial Saltillo comunica che, raggiunti gli obiettivi fissati dal Consiglio di Amministrazione, Manuel Rivera si ritira dall'organizzazione. Jorge Rada, attuale Presidente di GIS, assumerà la carica di CEO a partire dal 1° gennaio 2023, nell'ambito del piano di successione istituzionale. Manuel Rivera, che ricopre la carica di CEO da aprile 2019, è riuscito con successo a incrementare la redditività in un ambiente altamente volatile, guidando con un solido senso strategico e una forte attenzione ai risultati, consentendo all'organizzazione di aumentare la produttività e migliorare le operazioni aziendali, mentre rafforzare i valori e la cultura del gruppo. Manuel Rivera continuerà come membro del consiglio di amministrazione. Jorge Rada assumerà la posizione di CEO della Società dopo un'eccezionale carriera iniziata nel 2016,    dove    ha    ricoperto    i    ruoli    di    Global    Director    di    Draxton,    guidando l'internazionalizzazione di questo business.                    

BRASILE: TUPY CONCLUDE L'ACQUISIZIONE DI MWM DO BRASIL
Tupy S.A., multinazionale brasiliana dedicata allo sviluppo e alla produzione di componenti strutturali per beni strumentali, annuncia di aver concluso l'acquisizione di MWM do Brasil per R$ 855 milioni. L'operazione è in linea con la strategia di crescita di entrambe le società non solo nelle loro attività attuali - poiché aggiungeranno valore al prodotto - ma anche nella promozione di soluzioni di decarbonizzazione fattibili. Tupy, azienda con 84 anni di attività, è specializzata in componenti strutturali applicati al trasporto merci, macchine agricole, infrastrutture e generazione di energia. MWM produce motori di terze parti con contratti di produzione, coprendo lavorazione, assemblaggio, calibrazione, convalida tecnica e servizi di ingegneria. Con un'ampia base di clienti e guidata dalle operazioni recentemente acquisite in Portogallo e Brasile, Tupy fornisce componenti per i principali produttori mondiali di camion, macchine agricole e da costruzione e motori. Con questa acquisizione, la Società prevede di espandere i servizi forniti da MWM a tutti i suoi clienti.

REP. CECA: METSO OUTOTEC VALUTA IL FUTURO DELLA FONDERIA A PREROV
A causa dell'aumento dei costi energetici e di produzione, Metso Outotec sta avviando un processo per valutare le opzioni per il futuro della sua fonderia a Prerov, nella Repubblica Ceca. Le opzioni includono una dismissione parziale o totale della fonderia o una potenziale chiusura. "La fonderia di Prerov ha una buona capacità produttiva e personale competente, e storicamente ha avuto un ruolo specifico come parte della nostra rete globale di fonderie. Continuare le operazioni a Prerov, tuttavia, non soddisfa i nostri obiettivi strategici di redditività e sviluppo. Come nostra prima opzione, stiamo cercando un nuovo proprietario per la fonderia. Altre opzioni sono allo studio, se non è possibile trovare un nuovo proprietario a breve termine", afferma Heikki Metsälä, President, Consumables business area, Metso Outotec. Metso Outotec adeguerà anche il numero del personale a Prerov per allinearlo al volume del portafoglio ordini. Gli esuberi previsti saranno attuati a partire da gennaio 2023. Attualmente, la fonderia di Prerov impiega circa 230 persone.

MESSICO: DEACERO INVESTIRÀ US$ 587 MILIONI
Grupo DeAcero, un produttore di getti in acciaio, ha annunciato un investimento di 587 milioni di dollari USA per l’acquisto di macchinari, attrezzature e capitale circolante per aumentare la sua capacità produttiva tra il 2022 e il 2024. "DeAcero cerca di rafforzare la produzione sostenibile che soddisfi la domanda nazionale e unisca gli sforzi per combattere il cambiamento climatico, ma contribuisce anche a rafforzare la crescita economica del Paese", ha affermato la società in una nota. Dopo la pandemia di Covid-19 e i conflitti geopolitici mondiali, il settore delle costruzioni ha risentito dell'aumento dei prezzi degli input e dei materiali.

BRASILE: ARCHIVIATO IL PROCESSO NEI CONFRONTI DI WETZEL
Wetzel, un'azienda metallurgica fondata 90 anni fa e che produce componenti in alluminio e ghisa per i settori automobilistico e agroalimentare, non è più oggetto di recupero giudiziario. Con una sentenza, il giudice Luis Paulo Dal Pont Lodetti del 4° tribunale civile di Joinville, ha disposto l'archiviazione del processo, iniziato nel febbraio 2016. Nella decisione, il magistrato ha rilevato che non vi sono più notizie di denunce pendenti per inosservanza del piano di risanamento giudiziale.  Al momento in cui è entrato in recupero giudiziario, Wetzel aveva un debito stimato in R $ 101 milioni. La società ha giustificato la crisi basandosi sul calo dei volumi di produzione nell'industria automobilistica e della fonderia e sull'elevato costo delle fonti di finanziamento, oltre che sulla necessità di aumentare il capitale circolante. La chiusura del processo non significa che Wetzel sia esente da debiti – l'elenco generale dei creditori indica ancora un passivo di R$ 92,3 milioni –, ma indica che la società si sta ristrutturando e onorando gli impegni assunti.

FRANCIA: LA FONDERIA SIFA VERSO IL FALLIMENTO
Sifa, la fonderia della zona di Montées, ha presentato istanza di fallimento davanti al tribunale commerciale di Orleans. Il subappaltatore automobilistico ha 78 dipendenti. Queste difficoltà non sembrano essere legate all'attuale crisi energetica, ma piuttosto a quella del Covid. La crisi sanitaria aveva fatto crollare del 60% il fatturato di Sifa nel 2020. L'azienda sperava di risollevarsi, dopo aver ricevuto 800.000 euro dallo Stato nell'ambito del piano di rilancio per l'automotive e  conquistare nuovi mercati. Il progetto della svolta di un innovativo sistema frenante per la riduzione delle emissioni di polveri sottili, realizzato in collaborazione con una start-up, alla fine non ha visto la luce. La Sifa si è così ritrovata con un portafoglio ordini sempre meno fitto, e con alle spalle un PGE, prestito garantito dallo Stato, che non hanno mai rimborsato. Internamente i dipendenti si dicono molto pessimisti sull'esito del procedimento avviato davanti al tribunale di commercio - anche se la fonderia, nata nel 1936, è un'azienda storica di Orléans. Nel 2016 la fonderia Orleans era già stata posta in amministrazione controllata e, all’epoca, era stato trovato un acquirente: il gruppo Alty Industry, attuale proprietario, è succeduto al gruppo Arche che era stato smantellato.

ALGERIA: FIAT PRODURRÀ 90 MILA AUTO ALL'ANNO
Lo stabilimento Fiat nella provincia di Orano, nell'ovest dell'Algeria, produrrà fino a 90 mila veicoli all'anno. Lo ha affermato Samir Cherfan, direttore delle operazioni per il Medio Oriente e il Nord Africa (Mena) di Stellantis, alla cerimonia di firma di un accordo fra il gruppo multinazionale produttore di autoveicoli e il ministero dell'Industria del Paese nordafricano. Alla presenza del ministro dell'Industria algerino, Ahmed Zaghdar, Cherfan ha indicato che la fabbrica avvierà la produzione entro la fine del 2023 a un ritmo, nella prima fase, di 60.000 auto all'anno.

BRASILE: GERDAU INVESTE PIÙ DI 100 MILIONI DI US$
Il produttore siderurgico brasiliano Gerdau ha investito 700 milioni di R$ (132 milioni di USD) per allineare i propri processi produttivi in previsione della crescita della domanda di veicoli elettrici. “Il nostro obiettivo nell'investire nei nostri impianti di acciai speciali è aumentare la produttività e soddisfare le esigenze e la crescente domanda dei nostri clienti, con il piano di modernizzare completamente le operazioni entro il 2025”, ha commentato Rubens Pereira, vicepresidente della divisione degli acciai speciali di Gerdau acciai in Brasile. “La nuova fonderia dello stabilimento di Pindamonhangaba, già operativa, è in linea con il concetto di industria 4.0. Aumenterà la qualità e la competitività delle nostre operazioni in questo segmento come parte di un nuovo ciclo di crescita sostenibile per Gerdau", ha aggiunto. “Abbiamo una visione ottimistica del settore automobilistico brasiliano in generale, che dovrebbe, a medio e lungo termine, recuperare i suoi livelli di produzione. Inoltre, sottolineo che l'aggiornamento tecnologico dell'unità è in linea con le prospettive future di aumentare la matrice dei veicoli elettrici e ibridi in Brasile”, ha affermato Pereira.

FRANCIA: CAST'AL VUOLE SALVARE LA FONDERIA SIVAL DAL FALLIMENTO
La fonderia Cast'Al ha depositato un fascicolo per l'acquisizione della fonderia Sival. La fonderia Sival di Eu (Seine-Maritime) è specializzata nella produzione di componenti per l'aeronautica e il ferroviario, ha dichiarato fallimento lo scorso agosto. La fonderia, presente su due siti a Eu e Friville-Escarbotin (Somme), ha preso una nuova svolta con l’acquisizione da parte di Cast'Al, fonderia specializzata anche nella produzione di getti e leghe complesse per l'aeronautica e gli armamenti, dello stabilimento di Friville-Escarbotin. Anche se l’istanza presentata in tribunale verrà accettata, il 50% dei lavoratori verrà comunque licenziato.

BOSNIA: NUOVA DIVISIONE DI METALLEGHE PER IL SILICIO METALLICO
Il Gruppo Metalleghe, attivo nella produzione e commercializzazione di ferroleghe dal 1980, al fine di migliorare, centralizzare e semplificare la sua attività di produzione di silicio metallico in Bosnia-Erzegovina, ha deciso di fondere le sue due aziende che operano in questo paese. Metalleghe Silicon conta un totale di quattro forni ad arco sommerso ed una produzione annua di 34.000 tonnellate di silicio metallico e 10.000 tonnellate di microsilice, ottenute da materie prime accuratamente selezionate. La produzione avviene in due stabilimenti separati, distanti solo 20 km l’uno dall’altro. L’impianto di Jajce (ex B.S.I.), acquisito da Elektrobosna, è attivo dal 2004 e dotato di tre forni ad arco sommerso e di una potenza installata totale di 26 MW, con una produzione di circa 18.000 tonnellate l’anno.

GERMANIA: ZF PRODUCE DUE MILIONI DI MOTORI ELETTRICI
Già nel 2008, l'azienda è stata il primo fornitore di produzione in serie in Europa a lanciare un motore elettrico per un ibrido leggero premium. Nel frattempo, ZF non solo ha ampliato il proprio portafoglio di prodotti con innovazioni tecnologiche, ma ha anche fortemente sostenuto la tendenza verso l'elettrificazione dei motori delle autovetture, per ridurre le emissioni di CO2 dannose per il clima. Soprattutto negli ultimi anni, ciò è andato di pari passo con massicci aumenti della capacità produttiva. ZF si è adattata all'elevata domanda di mobilità elettrica.
Dopo il 2015, quando la domanda di pura mobilità elettrica ha iniziato a diventare visibile, l'azienda si è concentrata su una nuova tecnologia: l'avvolgimento a forcina consente ai cavi di essere imballati più strettamente, il che aiuta ad aumentare la potenza, le velocità e la coppia con lo stesso spazio. Ciò era necessario perché, con azionamenti puramente elettrici, la velocità di rotazione del motore elettrico non è più accoppiata con il motore a combustione.
I motori elettrici ZF coprono un'ampia gamma di applicazioni, dagli ibridi leggeri e ibridi plug-in ai sistemi di trasmissione puramente elettrici per autovetture e veicoli commerciali. La gamma di potenza va da 50 kW a 550 kW, con coppie da 75 Nm a 1.500 Nm. Per tenere il passo con l'aumento globale della produzione di veicoli elettrici, ZF ha continuamente ampliato le capacità di produzione di motori elettrici nello stabilimento principale di Schweinfurt, in Germania. Inoltre, negli ultimi anni l'azienda ha commissionato importanti linee di produzione a Pančevo (Serbia) e Shenyang (Cina). Un altro impianto in Nord America è attualmente in costruzione e entrerà in funzione nel 2023.
ZF fornisce ai suoi clienti motori elettrici come componenti, ma ha anche l'esperienza necessaria per integrare i motori elettrici negli azionamenti dei veicoli e fornire rispettivamente interi sistemi. ZF offre assali completi e azionamenti centrali, compresa l'elettronica di potenza sviluppata e prodotta in proprio e riduttori per azionamenti puramente elettrici in autovetture e veicoli commerciali. Il potenziale innovativo dei motori elettrici non si è ancora esaurito. ZF vede approcci essenziali nel raffreddamento. Negli ultimi anni sono state introdotte sofisticate soluzioni di raffreddamento oltre alla classica camicia di raffreddamento con passaggio dell'acqua.

BRASILE: LA FONDERIA CIRON SI AMPLIA
La grande azienda che opera nel campo della produzione di getti per macchinari pesanti, intende stabilire la propria sede nel Distretto Industriale di Alvorada, con un investimento iniziale stimato di circa R$ 70 milioni e la generazione di 70 nuovi posti di lavoro diretti entro 24 mesi. Il desiderio del gruppo è che Ciron raggiunga una capacità superiore del 50% a quella di Fundimisa una volta completate tutte le fasi di espansione dell'unità, con un investimento totale di oltre RS 200 milioni.

CANADA: MARTINREA INTERNATIONAL SEGNA RICAVI RECORD NEL 3° TRIM.
Martinrea International Inc., un fornitore automobilistico globale impegnato nella progettazione, sviluppo e produzione di getti leggeri e sistemi di propulsione altamente ingegnerizzati e a valore aggiunto, ha annunciato la pubblicazione dei suoi risultati finanziari per il terzo trimestre che si è concluso il 30 settembre 2022 e che ha dichiarato un dividendo trimestrale in contanti di $ 0,05 per azione. Vendite totali pari a 1.194,1 milioni di dollari, in crescita del 40,7% su base annua, un record trimestrale per la Società. Utile netto diluito per azione di $0,45 e utile netto rettificato per azione di $0,56. Margine di reddito operativo rettificato del 5,8%. EBITDA rettificato di 140,2 milioni di dollari, un record trimestrale per la Società. I risultati finanziari del terzo trimestre hanno mostrato un solido miglioramento rispetto al secondo trimestre del 2022, riflettendo margini più elevati e maggiori vendite di produzione. I risultati finanziari del terzo trimestre sono stati notevolmente migliorati rispetto al terzo trimestre del 2021, poiché la carenza di semiconduttori e altre forniture ha avuto un impatto pronunciato sui volumi dell'anno precedente. Il 2023 dovrebbe essere un anno forte, con maggiori vendite, margini, utili e Free Cash Flow rispetto al 2022.

STATI UNITI: NOVELIS PRESENTA LA ROADMAP PER L'UTILIZZO SOSTENIBILE DELL'ALLUMINIO NELLE AUTOMOBILI
Novelis Inc., fornitore leader di soluzioni sostenibili in alluminio e leader mondiale nella laminazione e nel riciclo dell'alluminio, ha partecipato alla prima conferenza sulla sostenibilità nella produzione automobilistica di Automotive Circle. Impegnato a guidare il cambiamento per garantire un futuro sostenibile, Novelis ha discusso del ruolo che l'alluminio può svolgere nello sviluppo di una produzione di automobili a impatto climatico zero e rispettosa dell'ambiente. In qualità di sponsor, espositore e relatore alla conferenza, Novelis ha condiviso le sue intuizioni, ricerche e indicazioni nel tentativo di educare l'industria sui vantaggi della sostenibilità dell'alluminio nella progettazione e produzione automobilistica. La discussione ha spiegato l'ambizione di Novelis di essere il principale fornitore mondiale di soluzioni in alluminio sostenibili a basse emissioni di carbonio, facendo avanzare le imprese, l'industria e la società verso un'economia circolare con l'obiettivo di essere carbon neutral entro il 2050 o prima. Con il suo forte impegno per l'ambiente, Novelis ha parlato dei suoi programmi internazionali di riciclo a ciclo chiuso in espansione. Un altro punto di discussione sono state le tecnologie all'avanguardia per lo smistamento dei rottami di Novelis, che migliorano la qualità dei rottami, consentendo un aumento del loro utilizzo per ridurre ulteriormente l'impronta di CO2 dei prodotti laminati piatti.

MESSICO: DDF INVESTE $ 25 MILIONI AD AGUASCALIENTES
Il governatore di Aguascalientes, Teresa Jiménez Esquivel, ha guidato l'inaugurazione dell'impianto di fusione DDF Messico, che ha realizzato un investimento di 25 milioni di dollari, nella sua prima fase, e genera 200 posti di lavoro diretti. I dirigenti hanno annunciato che DDF Messico continuerà la sua espansione ad Aguascalientes per completare un investimento totale di 50 milioni di dollari e generare altri 400 posti di lavoro.

INDIA: HONDA FERMA LA PRODUZIONE DI MOTORI DIESEL DAL 2023
La casa automobilistica giapponese interromperà la produzione del suo motore diesel da 1,5 litri in vista delle più severe normative RDE in arrivo il prossimo aprile. La società, attualmente vende al dettaglio quattro modelli in India: la berlina Amaze and City (Generation 4 e 5), la berlina Jazz e il crossover WR-V.
Le nuove norme RDE, che richiedono grandi investimenti nei motori diesel per aggiornarli per soddisfare le nuove rigide normative sulle emissioni, hanno portato all'eliminazione di diversi modelli diesel tra i marchi. I clienti in India possono ancora acquistare Honda con motore diesel fino alla fine di marzo 2023, ma la società prevede di esaurire il suo inventario diesel negli showroom in tutto il paese prima che gli standard sulle emissioni più severi entrino in vigore da aprile, esattamente tre anni dopo che le norme sulle emissioni BS VI sono state introdotte.

MESSICO: JOHN DEERE INVESTE 55 MILIONI DI US$ NEL NUEVO LEON
La multinazionale John Deere ha annunciato un investimento di 55 milioni di dollari per aumentare la sua produzione nello stato di Nuevo Leon, in Messico.
Il Governatore di Nuevo Leon, Samuel Alejandro Garcia Sepulveda, ha affermato che questi nuovi investimenti consentono allo stato di continuare ad essere un leader nazionale in tutti gli indicatori economici, riflettendo la forza e il talento della sua comunità. Nel suo discorso, Gerardo Mendoza, direttore del sito di Monterrey di John Deere, ha sottolineato l'importanza di questi nuovi investimenti. “Più di 70 anni dopo il nostro arrivo a Nuevo Leon e in Messico, siamo orgogliosi di fare questo annuncio di investimento, poiché vogliamo continuare ad essere un polo di attrazione per i giovani talenti e farli entrare a far parte del nostro team di oltre 3.000 addetti solo a Monterrey”, ha detto. A partire dal 2023, l'azienda produrrà ogni anno tre diversi modelli di skid-steer loader, il cui mercato principale è il suo paese di origine, gli Stati Uniti. Inoltre, produrrà 9 modelli di falciacondizionatrici. Con questa espansione, l'azienda offrirà 400 nuovi posti di lavoro. Il primo investimento di John Deere al di fuori degli Stati Uniti fu a Nuevo Leon, nel 1955, quando iniziò ad operare nel paese.

FRANCIA: IMPORTANTI INVESTIMENTI PER BOUHYER
La fonderia Bouhyer, produttrice di contrappesi in ghisa, prevede di investire 20 milioni di euro, o anche di più, nel suo sito di Ancenis (Loire-Atlantique) nei prossimi sette anni. Grandi progetti nei lavori pubblici e nell'eolico stanno trainando la domanda dei suoi clienti, costruttori di macchine e gru. Con un portafoglio ordini pieno, la fonderia Bouhyer ha più di due anni di lavoro davanti a sé. La prima parte del programma di investimenti prevede l'installazione di un nuovo edificio per ospitare la parte robotica dell'azienda. La fonderia avrà infatti un nuovo impianto, progettato dall'azienda Siif, per robotizzare la parte di sbavatura dei getti di fonderia. Questa robotizzazione consentirà inoltre di ridurre la gravosità di questo difficile compito e consentirà di aprire posizioni a personale femminile visto il peso molto ridotto degli utensili. La sbavatura manuale sarà così ridotta al 10%.

GIAPPONE: DENSO ANNUNCIA I RISULTATI FINANZIARI DEL 2° TRIM. 2022
DENSO, uno dei principali fornitori di mobilità, ha annunciato i suoi risultati finanziari globali per il secondo trimestre, che termina il 30 settembre 2022, per l'anno fiscale 2023, che termina il 31 marzo 2023. Il fatturato consolidato è stato di 3.020,1 miliardi di yen (20,9 miliardi di dollari USA), con un aumento del 16,9% rispetto all'anno precedente. L'utile operativo consolidato è stato di 155,4 miliardi di yen (1,1 miliardi di dollari USA), con una diminuzione del 2,5% rispetto all'anno precedente. L'utile consolidato attribuibile ai soci della capogruppo è stato pari a 105,8 miliardi di yen (0,7 miliardi di dollari USA), con una diminuzione del 6,1% rispetto all'anno precedente.
“I ricavi nella prima metà del nostro anno fiscale sono aumentati rispetto all'anno precedente grazie alla ripresa delle vendite, all'espansione delle vendite e agli utili sui cambi. L'utile operativo è leggermente diminuito rispetto all'anno precedente a causa delle difficili condizioni commerciali", ha affermato Yasushi Matsui, CFO, dirigente senior e membro del consiglio di amministrazione di DENSO Corporation. "Abbiamo rivisto le nostre previsioni sui ricavi per l'intero anno sulla base delle mutevoli condizioni preliminari dei cambi, adeguando la nostra proiezione dei ricavi a 6.310,0 miliardi di yen (43,6 miliardi di dollari) e abbiamo assicurato la nostra previsione di utile operativo dall'annuncio precedente per l'intero anno a 480,0 miliardi di yen (3,3 miliardi di dollari)’’. L'utile operativo è stato di 91,0 miliardi di yen (628,6 milioni di dollari), con un aumento del 2,4% rispetto all'anno precedente. In Nord America, i ricavi sono aumentati a 715,0 miliardi di yen (US$ 4,9 miliardi), in crescita del 26,6% rispetto all'anno precedente, e la perdita operativa è stata di 13,0 miliardi di yen (US$ 89,6 milioni) (utile operativo di 2,9 miliardi di yen nello stesso trimestre del precedente anno). In Europa, i ricavi sono aumentati a 321,9 miliardi di yen (2,2 miliardi di dollari), in crescita del 19,4% rispetto all'anno precedente, e l'utile operativo è stato di 3,6 miliardi di yen (24,9 milioni di dollari), in calo del 7,0% rispetto all'anno precedente. In Asia, i ricavi sono aumentati a 960,9 miliardi di yen (6,6 miliardi di dollari), in aumento del 34,3% rispetto all'anno precedente e l'utile operativo è salito a 67,4 miliardi di yen (465,1 milioni di dollari), con un aumento del 17,4% rispetto all'anno precedente.

MESSICO: TESLA ANNUNCIA UNA NUOVA FACTORY A NUEVO LEÓN
Tesla arriverà a Santa Catarina (Nuevo León). L'investimento sarà finalizzato nelle prossime settimane e annunciato dopo la fine dell'anno. Strategicamente, Santa Catarina è a sette ore di auto dal quartier generale di Tesla ad Austin, in Texas. Il magnate della tecnologia Elon Musk è stato avvistato a Nuevo León, scatenando speculazioni sui piani per un nuovo stabilimento Tesla nella zona. A causa di un accordo di non divulgazione tra le parti, l'identità del proprietario del terreno su cui sorgerà la fabbrica rimane sconosciuta.