News

angle-left Incisione laser dei componenti fusi: open day Lasit a maggio
Incisione laser dei componenti fusi: open day Lasit a maggio
30/04/2021

Lasit apre le porte dei suoi laboratori per far scoprire l’incisione laser sui componenti fusi

(contenuto sponsorizzato)

Lasit, azienda attiva nello sviluppo di tecnologie per la marcatura laser, ha deciso di offrire al pubblico e ai clienti del settore delle fonderie un’esperienza di incisione laser mai vista prima. Ecco perché a maggio aprirà le porte del suo laboratorio per fa vedere da vicino l’incisione laser sui componenti fusi.
L’evento durerà due giorni e sarà gestito come un incontro individuale virtuale con un commerciale Lasit e un tecnico laser specializzato. In questo modo ogni visitatore del Laboratorio avrà la possibilità di approfondire quello che desidera. Potrà fare tutte le domande che desidera sull’incisione laser dei componenti fusi, su come ottenere incisioni permanenti. Scoprirà anche come non compromettere i risultati dell’incisione laser dopo processi invasivi quali la sabbiatura e la pallinatura.

Tutti coloro che sono interessati possono restare in contatto con LASIT per non perdere gli aggiornamenti su questo evento: in questo modo riceveranno direttamente via email tutti i dettagli sulle modalità di partecipazione e su come prenotare la visita al laboratorio d’incisione laser. In più, sarà possibile usufruire di contenuti dedicati alle Fonderie ogni settimana prima dell’evento.

Se vuoi ricevere in anteprima le informazioni e i contenuti dedicati, iscriviti utilizzando questo modulo.

Quali sono i vantaggi degli iscritti?

Prima dell’evento di maggio c’è molto altro che non puoi assolutamente perderti se lavori nel mondo delle Fonderie. Il primo contenuto riservato agli iscritti è dedicato all’Incisione laser per la tracciabilità e ai codici 2D.

Lasit ha dato vita a una rubrica sul suo Canale Youtube dedicata all’incisione laser sui componenti pressofusi. La rubrica si chiama 1 minute LASER. Ogni settimana viene pubblicato un video con un approfondimento su un argomento relativo ai componenti pressofusi. I video durano soltanto un minuto nel quale sono condensate le informazioni più importanti e viene presentato l’evento in laboratorio di maggio. Gli argomenti trattati sono curati dall'esperto di applicazioni laser Mario Palmieri. Eccone di seguito alcuni:

  • Incisione laser per la tracciabilità
  • Codici 2D: miti e leggende
  • Integrazioni robot per la movimentazione dei pressofusi
  • Incisione laser presabbiatura
  • Marcatura 3D con la testa a 3 assi per componenti irregolari

Chi si iscrive potrà riceverli direttamente via email, senza impegno di partecipazione all’evento. Al momento delle iscrizioni, l'utente potrà a decidere se partecipare oppure godersi i contenuti che ricevuti via email. I contenuti saranno sempre disponibili e sarà possibile consultarli, rileggerli e riguardarli ogni volta che si vuole, a prescindere dalla partecipazione all'evento.

L’incisione laser sui componenti pressofusi

Fino a pochi anni fa la marcatura laser sul componente grezzo, appena uscito dallo stampo, era irrealizzabile a causa del degradamento qualitativo causato dai trattamenti successivi, in particolare trattandosi di codici DataMatrix. Ma oggi, grazie a laser più performanti e alla ricerca tecnica dei parametri ottimali Lasit è in grado di venire incontro alle richieste dei produttori e consentire una tracciabilità completa andando ad effettuare la marcatura dei componenti immediatamente dopo l’uscita dallo stampo. In questo modo è possibile garantire la leggibilità del codice DataMatrix anche dopo processi invasivi come sabbiatura o pallinatura.

LASIT ha sviluppato diverse soluzioni, sia in termini di sistemi stand alone sia di automazione attraverso laser da integrazione in linea, tra cui 24 sistemi negli ultimi dieci anni che prevedono il carico/scarico in tempo mascherato, e 5 stazioni speciali destinate all’integrazione in isole robotizzate, il cui punto di forza è la produttività derivante dalla cooperazione con il robot.

-              Software su misura: Lasit sviluppa il software per la gestione automatica dei dati

-              Autofocus: sistema per la messa a fuoco automatica integrato nella marcatrice

-              Sistemi di visione per l’auto-centraggio e la verifica della qualità del codice

Incisione laser pre-sabbiatura

Andando ad analizzare i processi a cui è sottoposto un componente pressofuso, quelli di maggior interesse sono sicuramente la sabbiatura e la pallinatura, necessari nel ciclo di lavorazione ma anche molto invasivi, tanto che il rischio è la compromissione (e quindi la leggibilità) del codice DataMatrix.

LASIT ha sviluppato una strategy per evitare che il codice DataMatrix diventi illeggibile dopo i vari processi. Questo è stato possibile grazie a incisioni profonde con parametri specifici e geometrie dedicate appositamente studiate per componenti pressofusi. I laser più utilizzati sono quelli con alte potenze, ovvero da 100W, 200W o 300W, i quali garantiscono anche un’estrema velocità del processo.

(contenuto sponsorizzato)