News

angle-left Fonderie, nei primi nove mesi del 2019 produzione a -4,5%
Congiuntura Assofond: nei primi nove mesi del 2019 produzione a -4,5%
2/12/2019

2019 con segno negativo, ma i valori tendenziali lasciano intravedere una lenta risalita nel medio periodo 

Secondo l'ultima analisi congiunturale realizzata dal Centro Studi Assofond, nei primi nove mesi dell'anno la produzione industriale delle fonderie italiane ha fatto segnare un calo del -4,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’indice destagionalizzato dei dati Eurostat con base la media 2018 (quota 100) è praticamente tornato sui livelli del 2016, in particolare sul punto più basso della serie storica degli ultimi quattro anni: il secondo trimestre, con un valore pari a 95,5 punti. Nonostante la dinamica restituisca un quadro recessivo, confermato dai valori tendenziali che continuano ad essere negativi, gli stessi evidenziano una risalita rispetto ai corrispondenti periodi del 2018, preannunciando una lenta risalita nel medio periodo.

La situazione è analoga negli altri Paesi europei, i principali di riferimento: l’indice della produzione industriale delle fonderie tedesche arretra a 98,5 punti (-2,6%). Quello spagnolo, in maggiore difficoltà, dopo un primo trimestre abbastanza sostenuto, è sul valore più basso (93,5).  Il quadro francese è ancora peggiore e, nel terzo trimestre 2019, si riduce a 91,2 punti.

A livello di comparti, quello più dinamico, dopo lunghi periodi di arretramento, è quello delle fonderie di acciaio: ancorché in flessione (-2,4%) l’indice della produzione industriale che risponde all’Ateco 24.52 rimane sopra la media dei livelli produttivi del 2018 (quota 100).  Anche le fonderie di ghisa e quelle di metalli non ferrosi sono in flessione, rispettivamente del -1,6% e del -1,2% sui trimestri precedenti, ma sono al di sotto dei livelli medi del 2018 già da diversi trimestri e, nello stesso tempo, in recessione tecnica.

In forte calo anche l'indice della fiducia degli imprenditori e l'utilizzo della capacità produttiva, che scende sotto al 70%.