News

angle-left Tieni sotto controllo la potenza per ridurre i costi in bolletta
Tieni sotto controllo la potenza per ridurre i costi in bolletta
13/04/2021


Da oggi è possibile grazie a un nuovo servizio di Energy Team per gli associati Assofond

(contenuto sponsorizzato)

Per le fonderie italiane, gli oltre 1.000GWh consumati per anno rendono il centro di costo energia tra quelli che più incidono sulle spese di gestione delle imprese.

Se da un lato il costo della materia prima energia, grazie all’avvento delle rinnovabili, è destinato a ridursi nei prossimi anni, al contrario gli oneri in bolletta per la gestione della rete diventeranno sempre più rilevanti. In questo scenario diventa quindi prioritario gestire attentamente le risorse impiegate anche attraverso una corretta gestione della flessibilità e della modulazione dei carichi.

La spesa energetica dell’industria dovrà confrontarsi con l’impatto sempre maggiore della quota potenza in bolletta e con i nuovi oneri per il finanziamento del recente progetto di “Capacity Market” (Mercato della Capacità MdC).

Un’analisi di “Peak Shaving” (taglio del picco), permette di valutare l’incidenza della quota potenza sulla spesa energetica aziendale e quantificare la presenza di particolari picchi di consumo, per studiare una serie di strategie per il livellamento dei picchi con conseguente riduzione della spesa.

Gli oneri in bolletta relativi al picco di potenza incidono per il 7 – 12% della spesa e sono calcolati in base al massimo picco di potenza registrato all’interno dei quarti d’ora di consumo mensile. Questo significa che basta un solo quarto d’ora all’interno del mese (1 su 2.976) in cui l’assorbimento sia superiore al valore medio per avere una bolletta maggiorata.

La gestione dei picchi di potenza tramite un sistema automatico di attuazione consente una migliore previsione e gestione di tutta la rete elettrica, con un beneficio immediato nella riduzione dei costi in bolletta e nella sicurezza dell’erogazione della fornitura.

Per quanto riguarda invece gli oneri derivanti dalle “Ore Capacity”, dal 2022, verrà creata una nuova voce in bolletta che servirà a garantire le coperture economiche per il finanziamento di un nuovo progetto per i produttori di energia elettrica denominato “Mercato della Capacità” (MdC).

Le “ore Capacity” sono 500 durante l’anno, quelle che Terna considera maggiormente critiche per il bilanciamento della rete e vengono comunicate entro il 30 novembre dell’annualità precedente; durante queste ore si avrà la maggior incidenza con un onere di circa 40 €/MWh e sarà fondamentale avere una strategia di “Load Shifting ben definita per modulare le ore di produzione e ridurne l’impatto in bolletta.

Assofond ha scelto di affidarsi a un partner affidabile e di grande esperienza come Energy Team per studiare delle strategie di attuazione e di modulazione di carichi e dei consumi che possano portare a risparmi significativi senza che questo incida sulla produzione.

Il progetto prevede una prima fase in cui Energy Team si occuperà di realizzare una valutazione sull’impatto che il nuovo onere “capacity” avrà sui consumatori. In questa fase saranno analizzati i consumi degli associati Assofond Energia e per ciascuno di essi sarà prodotto un report dedicato. I dati aggregati in forma anonima verranno condivisi con tutti gli associati Assofond in preparazione alla fase successiva in cui Energy Team si renderà disponibile per realizzare tale analisi per tutti gli associati (ad un prezzo stabilito in convenzione con Assofond).